Skip to content

L’Emilia vista dal satellite: la terra si è sollevata di 15 centimetri

29/05/2012

Forse è la rottura di una nuova faglia, scosse ancora per giorni

Ottocento scosse che si sono susseguite, pressoché senza interruzione, dal 20 maggio fino all’ultimo, fortissimo terremoto di questa mattina.
E le repliche del terremoto che sta sconvolgendo l’Emilia (ma anche parte della Lombardia e del Veneto) «dureranno parecchi giorni».

La zona più attiva è quella più occidentale, tra Modena, Moglia e Mirandola, ma si sta estendendo verso ovest – il sismologo dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), Alessandro Amato.

Dopo la scossa più forte, quella da magnitudo 5.8 Richter delle 9, la terra ha tremato ancora decine di volte: le scosse più forti sono state registrate alle 9.07 (magnitudo 4.0), alle 9.09 (4.1), alle 10.25 (4.5), alle 10.27 (4.7), alle 10.40 (4.2), alle 11.30 (4.2). Alle 12.56 e alle 13.01 altre due forti scosse non magnitudo 5.3 e 5.1.
Il sismologo: «Forse è la rottura di una nuova faglia, scosse ancora per giorni». La spiegazione dell’Ingv

* Il sismologo: abbiamo già registrato 80 scosse, lo sciame sismico continuerà nelle prossime ore
* Il geologo: l’Appennino si muove verso Nord-Est, le scosse proseguiranno
* Il sisma in Emilia visto dal satellite: nell’area dell’epicentro la terra si è sollevata di 15 centimetri

* Le immagini del terremoto a Mirandola

* #Terremoto: il Duomo di Mirandola in briciole – foto

Emilia - enorme crepa in un terreno agricolo

Emilia – enorme crepa in un terreno agricolo

* #Terremoto Emilia, l’enorme crepa nel terreno – foto

Parmigiano anti-sisma

Parmigiano anti-sisma

* Parmigiano anti-sisma

* #Terremoto: Don Ivan, il parroco morto per salvare la Madonna

From → The blog

Comments are closed.

%d bloggers like this: